Il birrificio Apatin modernizza il suo negozio di produzione e opta per KHS

18.10.2021
Articolo tradotto a macchina
  Passa all'originale
Molson Coors è uno dei più grandi gruppi di birrifici al mondo. Lo stabilimento serbo gestito dalla sua controllata Apatinska Pivara Apatin si affida alla tecnologia progettata da KHS da oltre quattro decenni. La lunga e fiduciosa partnership tra le due società è stata recentemente ulteriormente cementata dalla conversione di due delle linee di vetro del birrificio e dall'acquisto di un riempitivo per lattine KHS Innofill Can DVD.
Il birrificio Apatin modernizza il suo negozio di produzione e opta per KHS

La nuova riempitrice lavora fino a 25.000 lattine da 0,5 litri all'ora e si distingue per sostenibilità ed efficienza. (Fonte immagine: Gruppo KHS):

Come risultato di queste ampie misure di modernizzazione, Apatin Brewery è stata in grado di ottimizzare notevolmente l'efficienza della sua linea e la qualità del prodotto. Il birrificio tradizionale beneficia anche di una migliore igiene e di un risparmio di energia e mezzi.

La collaborazione tra Apatin Brewery e il fornitore di sistemi di Dortmund risale agli anni '70 e alle società predecessore di KHS Holstein & Kappert e Seitz Enzinger Noll Maschinenbau AG (SEN), che nel 1993 si sono fuse per formare KHS. “Abbiamo sempre avuto un partner davvero affidabile al nostro fianco in KHS. Il suo personale conosce a fondo non solo il nostro sito produttivo e la nostra tecnologia; hanno anche familiarità con le nostre esigenze e tutte le possibili sfide", sorride Tanja Popović, responsabile del confezionamento presso Apatin Brewery.

Quando nel 2014 il birrificio ha deciso di modernizzare alcune delle sue macchine, alcune delle quali vecchie di quasi 20 anni, ha optato di nuovo per i sistemi sostenibili del suo partner di lunga data KHS. L'azienda di ingegneria meccanica ha prima rinnovato due linee di vetro e nel 2020 il cliente ha poi investito nella riempitrice per lattine Innofill Can DVD. "Le nostre vecchie macchine non potevano più soddisfare le nostre attuali esigenze in termini di qualità del prodotto, prestazioni e sostenibilità", spiega Popović. "Insieme ai nostri colleghi di KHS, abbiamo ideato un concetto sofisticato per modernizzare le nostre linee".

Risparmio di risorse e miglioramento dell'economia
KHS ha iniziato a rinnovare la prima linea di bicchieri nel 2014. L'obiettivo era ridurre il consumo di supporti ed elettricità sulla lavabottiglie. Installando i vettori ECO, gli ingegneri di KHS hanno notevolmente ottimizzato l'efficienza delle risorse e l'economia del sistema. “La macchina ora non solo utilizza molta meno acqua e sostanze caustiche e meno additivi; consuma anche meno energia", afferma Bojan Culibrk, responsabile del servizio locale di KHS.

Solo quattro anni dopo, il birrificio Apatin ha compiuto il passo successivo verso la produzione sostenibile, modernizzando una delle sue riempitrici in vetro. Gli specialisti KHS hanno sostituito la vecchia pompa per vuoto con una nuova variante ECO che reimmette l'acqua di processo nel sistema dopo il trattamento. "Da un lato, abbiamo ridotto il consumo di supporti e, dall'altro, il riempitivo è ora più economico ed efficiente", afferma Culibrk. La pompa per vuoto ECO si è dimostrata così convincente che l'imbottigliatore serbo si è procurato questo attrezzo anche per la sua seconda riempitrice di vetro.

Qualità del prodotto ottimizzata e minore usura
Il tradizionale birrificio, fondato nel 1756, ha anche commissionato a KHS l'installazione di una nuova torretta tappatrice. Questo è molto più facile da pulire rispetto al modello precedente, spiega Culibrk. "Riduce il rischio di contaminazione del prodotto e, di conseguenza, migliora l'igiene". Inoltre, KHS è stata anche in grado di ottimizzare la qualità del tappo sulle bottiglie di vetro.

Oltre a migliorare l'igiene e la qualità del prodotto, il produttore di bevande serbo voleva anche automatizzare la tecnologia dell'impianto. Ciò è stato ottenuto utilizzando pannelli HMI integrati sulle linee del vetro e nuove riempitrici per lattine. Secondo Popović, questo rende la macchina molto più facile da usare per gli operatori, poiché tutte le sequenze sono automatizzate e molte di esse sono state digitalizzate. “I nuovi programmi di cambio prodotto, sanificazione e riempimento velocizzano i nostri processi. Utilizzando questa tecnologia all'avanguardia, otteniamo un livello molto più elevato di efficienza produttiva ed evitiamo tempi di fermo non pianificati grazie a una maggiore sicurezza e affidabilità nel riempimento", afferma Popović. Inoltre, il sistema HMI rileva in anticipo le parti soggette a usura, il che significa che è possibile ordinare tempestivamente le parti di ricambio.

Conservazione delle bevande sostenibile ed efficiente
Nel 2020 il birrificio ha infine investito in un riempitivo per DVD Innofill Can. "Abbiamo dovuto aumentare la nostra capacità in questo segmento per soddisfare la crescente domanda di bevande in lattina", dichiara Popović. “Con la nostra nuova riempitrice possiamo lavorare fino a 25.000 lattine da 0,5 litri all'ora. Siamo anche più efficienti e sostenibili".

Secondo le statistiche dell'azienda, la produzione supera i due milioni di ettolitri all'anno. Sul DVD Innofill Can riempie tutti i suoi marchi in contenitori da 0,33 e 0,5 litri, tra cui Jelen, Jelen Chill, Jelen Cool, Apatinsko, Staropramen, Bavaria, Nikšićko e Nikšićko Tamno. Il birrificio rifornisce principalmente il mercato regionale, ovvero Serbia, Montenegro, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Macedonia settentrionale e Slovenia. Popović, tuttavia, non esclude l'espansione. "Con la sua elevata capacità ed efficienza, la nuova riempitrice offre le condizioni ideali per questo."

Condizioni di riempimento igieniche ottimali
Oltre all'elevata produttività, anche l'igiene e la qualità del prodotto hanno svolto un ruolo chiave durante il nuovo investimento. Il DVD Innofill Can consente il riempimento a caldo di bevande a circa 20°C. Questo metodo diventa più significativo in particolare per quanto riguarda le ulteriori fasi di lavorazione in quanto elimina praticamente la formazione di condensa. Questo esclude più o meno il rischio che cartoni, vassoi e lattine in confezioni da sei si inzuppino, formino muffe o vengano contaminati da microbi.

Il birrificio è convinto anche dal nuovo processo di spurgo della CO2 che ha un impatto altrettanto positivo sulla qualità del prodotto, come commenta Culibrk. “Il prelievo di ossigeno compromette la qualità della bevanda. Per evitare ciò, nella produzione moderna i contenitori vengono spurgati con CO2." Il processo di spurgo KHS è così efficiente che meno ossigeno entra nei contenitori rispetto ai metodi convenzionali, nonostante vengano utilizzate quantità inferiori di anidride carbonica. Inoltre, il principio di riempimento volumetrico migliora anche la precisione di riempimento.

Installazione nonostante le restrizioni causate dalla pandemia di COVID-19
Il riempitivo per lattine è stato installato durante la pandemia di COVID-19 e sotto le restrizioni imposte da questo. “Grazie alla nostra presenza locale in Serbia e nei Balcani, siamo stati in grado di svolgere tutti i lavori in modo rapido ed efficiente. Le restrizioni di viaggio e il distanziamento sociale ovviamente ci hanno presentato una o due sfide nel corso delle nostre attività quotidiane. Tuttavia, insieme al cliente siamo riusciti a portare a termine con successo il progetto entro i tempi previsti", sorride Culibrk. Anche Popović trae una conclusione positiva. “La dedizione e l'impegno dimostrati dal team KHS hanno lasciato un'impressione duratura su di noi. Abbiamo sempre potuto contare su di loro e sulla loro competenza”. Questo è il motivo per cui KHS continuerà ad essere la prima scelta per Apatin Brewery quando si tratta di espandere la produzione o acquisire nuove tecnologie.

Fonte: KHS GmbH

Altri articoli sull'argomento

ANDRITZ fornirà apparecchiature elettromeccaniche per la centrale idroelettrica di Robert S. Kerr, USA

26.10.2021 -

Il gruppo tecnologico internazionale ANDRITZ ha ricevuto un contratto dall’US Army Corps of Engineers, nel distretto di Tulsa, per la riabilitazione e l’aggiornamento di tutte e quattro le turbine e i generatori della centrale idroelettrica di Robert S. Kerr, situata sul fiume Arkansas nell’Oklahoma orientale adiacente a la città di Cowlington.

Leggi tutto