IFAT Eurasia 2021: le questioni ambientali in cima all’agenda nonostante il COVID-19

04.11.2021
Articolo tradotto a macchina
  Passa all'originale
Il 23 ottobre si è conclusa la nuova edizione di IFAT Eurasia, tenutasi presso l'Istanbul Expo Center (IFM) in Turchia. A causa della pandemia di COVID-19, il campo espositivo di 106 aziende è stato molto più compatto rispetto al 2019 (215).
IFAT Eurasia 2021: le questioni ambientali in cima all’agenda nonostante il COVID-19

IFAT Eurasia 2021: presenze quasi a livello pre-pandemia. (Fonte immagine: Messe München GmbH)

Tuttavia, in termini di visitatori, il salone internazionale della tecnologia ambientale si è avvicinato ai livelli pre-coronavirus con 9.258 partecipanti (2019: 10.467).

“La pandemia di coronavirus sta ancora colpendo i mercati di tutto il mondo e le nostre vite sociali. Ma gli eventi fieristici qui sul Bosforo hanno chiarito che la necessità esistenziale di protezione delle risorse e del clima, forniture di acqua potabile affidabili e terreni, fiumi e mari puliti rimane in cima all'agenda internazionale", afferma Osman Bayazit Genç, Managing Direttore dell'organizzatore MMI Eurasia, riassumendo le sue impressioni su IFAT Eurasia 2021. La nuova edizione della fiera della tecnologia ambientale all'interfaccia tra Europa e Asia si è tenuta presso l'Istanbul Expo Center (IFM) dal 21 al 23 ottobre 2021.

Presenza quasi a livello pre-pandemia
Un totale di 9.258 visitatori sono giunti al centro espositivo della metropoli turca. Oltre al paese ospitante naturalmente dominante, 1.032 visitatori provenivano da altre 62 nazioni. "Con questo livello di popolarità, piacevolmente internazionale, siamo almeno vicini al livello pre-coronavirus", è soddisfatta Katharina Schlegel, Exhibition Director delle fiere internazionali di tecnologia ambientale all'interno della rete IFAT. Tra i visitatori c'erano rappresentanti di alto livello dei comuni turchi e delegazioni nazionali della Grecia, dell'Iraq settentrionale e della Siria. Inoltre, c'era una delegazione mista da Egitto, Libano e Giordania che è venuta a Istanbul. In piedi per 145 marchi, si sono presentate 106 aziende e istituzioni di sei nazioni. Germania, Austria e Svizzera erano rappresentate con padiglioni comuni.

Gli espositori lodano la qualità dei contatti
Anche se il 2021 ha visto un numero leggermente inferiore di visitatori rispetto a due anni fa, molti espositori hanno esplicitamente elogiato la loro esperienza. Ad esempio, Oliver Gumpert di Bertsch Energy che ha dichiarato: "La maggior parte dei nostri colloqui con un pubblico competente è stata di altissima qualità". Il project manager ha continuato: "La Turchia è un mercato molto interessante. IFAT Eurasia ci serve come piattaforma per costruire collaborazioni a lungo termine qui e torneremo sicuramente la prossima volta.”

Per Kaan Koncagül, Assistant General Manager di Teksin Container, lo specialista turco di grandi contenitori per rifiuti, era già chiaro che parteciperanno a IFAT Eurasia 2023. Ha riferito: “Siamo molto soddisfatti dei risultati di questo primo spettacolo dopo la pausa a causa della pandemia di COVID-19. Il nostro portafoglio di visitatori aveva una struttura piuttosto internazionale, con parti interessate principalmente da Israele, Bulgaria, Romania, Grecia, Bielorussia, Uzbekistan e Russia.

Finalmente, di nuovo i contatti faccia a faccia
Tra i membri della delegazione, Raji Maasri, direttore generale della società di consulenza libanese MORES, è rimasto molto colpito: “È stato fantastico poter nuovamente scambiare idee personalmente, nonché mantenere i contatti esistenti e generarne di nuovi. " Commenti simili sono stati fatti da Ahmed Tawfik della società egiziana Nahdet Misr: "Ero particolarmente entusiasta delle tecnologie europee presentate qui e delle opportunità che si sono aperte per collaborazioni mirate".

Per la prima volta: piattaforma di eventi digitali complementari
Per riunire anche potenziali partner commerciali che, ad esempio, non potevano essere sul posto a Istanbul a causa delle restrizioni di viaggio, quest'anno MMI Eurasia ha offerto per la prima volta la cosiddetta esperienza ibrida. La piattaforma degli eventi digitali è stata spesso utilizzata per accedere a profili aziendali, prodotti e servizi, per tenere riunioni B2B e per fare rete.

Programma di supporto sui principali argomenti di attualità
“Le caratteristiche di qualità delle fiere IFAT includono sempre anche un programma di supporto di prim'ordine”, afferma la direttrice della fiera Katharina Schlegel. "A IFAT Eurasia siamo stati ancora una volta in grado di offrire ai professionisti eventi all'avanguardia e quindi molto frequentati." Esempio: i piani per combattere un enorme problema ambientale praticamente "alle porte" di Istanbul, una città di milioni , ha riscosso grande interesse: a causa del riscaldamento globale e dello scarico di grandi quantità di acque reflue non sufficientemente depurate, nel Mar di Marmara si sono formate quest'anno coperte di melma di alghe di dimensioni senza precedenti Il governo turco intende contrastare l'imminente catastrofe ambientale con un piano d'azione globale , che offrirà anche un impulso significativo ai fornitori di tecnologie ambientali.

E il programma di supporto è stato utilizzato per esaminare il Green Deal da varie prospettive come un altro possibile driver per l'industria. Questa strategia di crescita europea mira a trasformare l'UE in un'economia e una società moderne, efficienti sotto il profilo delle risorse e competitive.

Sinergie con IREMCON
Molti visitatori hanno apprezzato le preziose sinergie tematiche che sono state create combinando la data e il luogo con la Conferenza internazionale sull'ambiente (IREMCON). La principale conferenza ambientale in Turchia e nell'intera regione balcanica si è tenuta accanto all'IFAT Eurasia presso il WOW Conference Center, seguendo il tema guida di quest'anno "Combattere il cambiamento climatico globale e promuovere la cooperazione internazionale nella gestione dei rifiuti".

Prospettive ottimistiche per IFAT Eurasia 2023
Dal punto di vista degli organizzatori, le giornate fieristiche di quest'anno sono state un completo successo considerando l'attuale situazione di pandemia. Namik Sarigöl, Deputy Managing Director di MMI Eurasia e responsabile di IFAT Eurasia in Turchia, riassume: “In ogni caso, l'evento ha dato motivi più che sufficienti per guardare avanti alla prossima edizione, che si terrà di nuovo a Istanbul nel 2023, con ulteriore ottimismo».

Altri articoli sull'argomento

Endress+Hauser su un ulteriore percorso di crescita

13.10.2021 -

Endress+Hauser ha investito circa 46 milioni di euro nell’espansione della sua sede di Maulburg, in Germania. Il progetto, che ha richiesto quasi due anni per essere completato, comprende un nuovo edificio per la produzione e gli uffici con oltre 17.000 piedi quadrati di spazio, oltre a un parcheggio. L’espansione è avvenuta in risposta alla forte crescita nel settore della tecnologia di misurazione del livello e della pressione.

Leggi tutto