IFAT Monaco 2022: una forte ripartenza per la protezione del clima

09.06.2022
Articolo tradotto a macchina
  Passa all'originale
Dal 30 maggio al 3 giugno 2022 si è svolta la principale fiera mondiale per la gestione delle acque, delle acque reflue, dei rifiuti e delle materie prime. 2.984 espositori e circa 119.000 visitatori hanno confermato la fiera come la piattaforma più importante per le tecnologie ambientali.
IFAT Monaco 2022: una forte ripartenza per la protezione del clima

IFAT Monaco 2022: una forte ripartenza per la tutela del clima Elevato livello di presenze internazionali. (Fonte immagine: Messe München GmbH)

"Una grande mostra, un concentrato di trasferimento di conoscenze, networking: IFAT Munich 2022 è stata una pura ispirazione e guida la trasformazione sostenibile delle industrie e delle comunità resilienti al clima", afferma Stefan Rummel, amministratore delegato di Messe München. “Avendo attirato 2.984 espositori da 59 paesi e circa 119.000 visitatori da 155 paesi, la fiera si è avvicinata ai livelli pre-coronavirus, riflettendo il grande potenziale delle tecnologie ambientali e confermando la sua posizione di piattaforma leader mondiale per acqua, fognature, rifiuti e materie prime gestione." Il Dr. Johannes F. Kirchhoff, Presidente del Comitato consultivo dell'IFAT Monaco di Baviera, aggiunge: “L'elevata partecipazione internazionale alla fiera durante questo periodo difficile è stata impressionante. È fantastico vedere l'IFAT fare un riavvio così forte, poiché è un motore molto importante e sostenibile per l'economia circolare e l'industria ambientale".

Dalla plastica all'acqua: focus sui cicli chiusi
L'economia circolare ha occupato più spazio che mai in fiera. In apertura, il ministro dell'Ambiente tedesco Steffi Lemke ha sottolineato: “Un'economia circolare ben funzionante consente di risparmiare risorse primarie, riduce le dipendenze e contribuisce in modo significativo alla protezione del clima e della biodiversità. La mia politica mira a rafforzare l'economia circolare in tutte le fasi del suo ciclo e a rendere la protezione dell'ambiente un modello di business attraente".

Un totale di quattro aree speciali sono state specificamente dedicate all'economia circolare, ad esempio per le materie plastiche e i materiali da costruzione. Anche per l'acqua, l'attenzione si è concentrata sull'uso sostenibile e sui cicli chiusi, ad esempio nella produzione industriale e nelle città, che devono utilizzare una gestione intelligente dell'acqua per prepararsi alla siccità estrema e alle forti piogge. La fiera ha presentato le tecnologie abilitanti, il programma della conferenza ha visto la partecipazione di oltre 300 esperti a condividere le loro conoscenze e ci sono state numerose dimostrazioni dal vivo e visite guidate alle soluzioni.

Le figure chiave della fiera
IFAT Monaco ha coperto un totale di 260.000 metri quadrati, occupando tutti i 18 padiglioni e gran parte dell'area esterna di Messe München. 2.984 espositori provenienti da 59 paesi e regioni (2018: 3.305/58) e circa 119.000 visitatori da 155 paesi e regioni (2018: 142.472/162) si sono recati a Monaco. La metà degli espositori e dei visitatori proveniva dall'estero. Rispetto all'evento precedente è mancata soprattutto la forte partecipazione di Cina e Russia. Un'Area Start-up ha raccolto 49 start-up da 16 nazioni. C'erano 15 padiglioni internazionali congiunti dall'Europa, nonché da Giappone, Canada, Corea del Sud e Stati Uniti. Rappresentanti politici di alto rango si sono recati all'evento, inclusi Egitto, Belgio e Malesia, nonché i ministri dell'Ambiente di Brasile e Singapore e molti delegazioni internazionali.

Piattaforma preziosa per l'industria ambientale
"IFAT non ha perso la sua attrattiva per il ramo dell'economia circolare e, in futuro, continuerà a mantenere la sua importanza come fiera leader mondiale per il settore", spiega Max Köttgen, membro del consiglio di amministrazione di REMONDIS . "Sono molto colpita dalle dimensioni della fiera, dal numero di visitatori e dall'impareggiabile piattaforma di esperti, e sono lieta che abbiamo potuto avere una serie di discussioni pertinenti con clienti e partner", afferma Anja Eimer, Head of Water & Waste Water a Siemens La fiera è un'"eccellente piattaforma per presentare i nostri prodotti e soluzioni al pubblico" (Georg Huber, Presidente del Consiglio di Amministrazione, HUBER), è la "fiera internazionale più importante per riflettere le tendenze del settore in base al nostro innovazioni di prodotti e servizi sostenibili” (Ottmar Steinebrunner, Managing Director Sales & Service Europe and Americas, Bucher Municipal) e in quanto “fiera leader mondiale per il settore municipale, fornisce una piattaforma ideale per sperimentare le nostre versatili soluzioni industriali” (Dott Ralf Forcher, capo della Mercedes-Benz Special Trucks).

Altri articoli sull'argomento

I giovani innovatori si fanno avanti per aiutare le comunità di tutto il mondo a risolvere i problemi idrici urgenti

28.11.2022 -

Un crescente movimento globale di giovani innovatori sta aiutando il settore idrico a fare progressi contro sfide urgenti come l’accessibilità e la sicurezza dell’acqua. Giovani menti brillanti stanno contribuendo a plasmare un mondo più sostenibile sviluppando modi innovativi per gestire l’acqua e istruendo gli altri nelle loro comunità sulle sfide idriche.

Leggi tutto

Xylem riporta i risultati del terzo trimestre 2022

04.11.2022 -

Xylem Inc. ha registrato un fatturato del terzo trimestre di 1,4 miliardi di dollari, superando le precedenti indicazioni, con una forte esecuzione commerciale e operativa. Mentre gli ordini sono diminuiti del 7% su base riportata, sono diminuiti dell’1% organicamente, con la differenza dovuta alla valuta. La Società ha riportato una domanda globale di fondo resiliente con una forte crescita del portafoglio ordini.

Leggi tutto