IFAT Eurasia 2021: l’industria ambientale si incontra a Istanbul

08.10.2021
Articolo tradotto a macchina
  Passa all'originale
Gestione e riciclaggio dei rifiuti, tecnologie per l'acqua e le acque reflue e veicoli comunali: i partecipanti al prossimo IFAT Eurasia dal 21 al 23 ottobre 2021 a Istanbul potranno godere di una vasta gamma di soluzioni ambientali. Quest'anno, un'attenzione particolare sarà dedicata alla lotta all'imminente disastro ambientale nel Mar di Marmara.
IFAT Eurasia 2021: l’industria ambientale si incontra a Istanbul

IFAT Eurasia 2021 si terrà a Istanbul dal 21 al 23 ottobre 2021. (Fonte immagine: Messe München GmbH)

“Dopo aver dovuto posticipare l'IFAT Eurasia a causa della pandemia, i nostri clienti e partner non vedono l'ora di mantenere nuovamente la loro rete faccia a faccia. L'edizione di quest'anno si concentrerà anche sullo scambio di informazioni tecniche sull'acuto problema ambientale nel Mar di Marmara", spiega Katharina Schlegel, Exhibition Director IFAT Trade Fairs Abroad at Messe München.

Finora si sono registrati più di 80 espositori, inclusi colossi internazionali del settore come Asos, Benli, Disan, DKY, Hach Lange, İdeal Makina, Oz-Kann, Polat, Teksin, Tomra e Waterland. Germania, Austria e Svizzera saranno rappresentate con padiglioni comuni. "Inoltre, ci sarà un'ampia offerta digitale, comprese opportunità di networking, incontri B2B e presentazioni virtuali da parte degli espositori, che completeranno l'evento in loco a Istanbul", afferma Katharina Schlegel. I partecipanti possono utilizzare la piattaforma, ad esempio, per ottenere una panoramica di aziende, prodotti e servizi, settori industriali, opportunità di lavoro e sviluppi generali del settore.

Know-how e tecnologie ambientali contro la melma di alghe
Questa estate, nel Mar di Marmara si sono formate coperte di melma di alghe su scala storica. La Turchia vuole prendere contromisure con un programma di azione del governo e, soprattutto, potenziare gli impianti di trattamento delle acque reflue intorno al mare interno, poiché la parte del leone delle acque reflue prodotte dai 16 milioni di abitanti di Istanbul viene attualmente scaricata nel Mar di Marmara dopo il pretrattamento. Gli impianti di trattamento delle acque reflue esistenti e di nuova costruzione dovranno essere dotati di trattamento biologico delle acque reflue nei prossimi tre anni e modelli di partenariato pubblico-privato dovranno promuovere questo sviluppo. Il programma della conferenza all'IFAT Eurasia dedicato a questo argomento sarà supportato da un'associazione di ingegneria araba, da un'associazione di città situate sul Mar di Marmara e dall'International Solid Waste Association (ISWA), l'Associazione tedesca per l'acqua, le acque reflue e i rifiuti (DWA) e il partenariato tedesco per l'acqua (GWP).

Gli espositori vedono la fiera come un prezioso segnale di inizio
“Dopo una lunga pausa, siamo lieti di poter presentare ancora una volta soluzioni nel campo del trattamento delle acque reflue, a cui è stata data una priorità così alta, all'IFAT Eurasia. È soprattutto l'importanza internazionale di questa fiera che ci rende indispensabile la partecipazione”, spiega Rainer Heichel, Key Account Manager di KLARO. E Tim Theiß, Senior Manager Business Development presso NUKEM Technologies Engineering Services afferma: "Partecipando a IFAT Eurasia, una delle fiere ambientali più interessanti della regione, ci aspettiamo un mix di buone discussioni e ottimi contatti per metterci in una posizione eccellente posizione nel campo della protezione ambientale in futuro. Soprattutto dopo un periodo di pandemia così debilitante, questo sarà una sorta di reset».

Altri articoli sull'argomento

Endress+Hauser su un ulteriore percorso di crescita

13.10.2021 -

Endress+Hauser ha investito circa 46 milioni di euro nell’espansione della sua sede di Maulburg, in Germania. Il progetto, che ha richiesto quasi due anni per essere completato, comprende un nuovo edificio per la produzione e gli uffici con oltre 17.000 piedi quadrati di spazio, oltre a un parcheggio. L’espansione è avvenuta in risposta alla forte crescita nel settore della tecnologia di misurazione del livello e della pressione.

Leggi tutto

Un Nuovo Sistema di Trattamento Biologico Riduce il Consumo Energetico di un Depuratore

11.06.2021 -

L’impianto di depurazione di acque reflue urbane Alto Seveso, situato in provincia di Como, tratta principalmente le acque reflue provenienti dalle aziende tessili locali ed era alla ricerca di una soluzione per ridurre il livello di inquinanti nello scarico, oltre al consumo energetico. Grazie al sistema di trattamento biologico innovativo di Xylem, l’impianto è riuscito a ridurre il consumo energetico del 20% ed a migliorare la qualità dell’acqua del fiume Seveso.

Leggi tutto
Direttamente alla selezione dei prodotti nel

PumpSelector

ULTIME NOTIZIE

MERCATO DEL LAVORO