Produzione industriale manifatturiera: contrazione globale 2020 inferiore al previsto

26.02.2021
Articolo tradotto a macchina
  Passa all'originale
L'ultimo aggiornamento trimestrale del Tracker MIO (Manufacturing Industry Output) di Interact Analysis rivela una performance globale di produzione globale inaspettatamente forte. Questa è una revisione al rialzo dei precedenti aggiornamenti MIO.
Produzione industriale manifatturiera: contrazione globale 2020 inferiore al previsto

Produzione industriale manifatturiera: contrazione globale del 2020 inferiore al previsto al 3,9% (Fonte immagine: Analisi Interact)

Nel nostro punto più pessimistico, prevediamo una contrazione del -4% della produzione industriale per la Cina. Ma la rigorosa soppressione del virus da parte del paese ha significato che la produzione è tornata sulla buona strada entro maggio 2020 e la regione sta registrando una crescita dell'1,9%.

La ripresa cinese ha avuto un impatto significativo sulla crescita globale, ma rappresenta ancora una considerevole crescita complessiva persa, mettendo la Cina tra i quattro leader globali in perdita, insieme a India, Giappone e Stati Uniti, che hanno accumulato insieme oltre $ 200 miliardi di potenziale MIO perduto. La strategia track-and-trace della Corea è stata estremamente efficace e il paese ha visto una forte crescita nei settori dell'elettronica e dei componenti, con una crescita complessivamente negativa di solo -2,4% per il 2020.

In Europa, l'economia tedesca in particolare ha sofferto e la ripresa sarà lenta. I fattori chiave in questo caso sono l'enorme dipendenza del paese dai mercati di esportazione nell'Europa orientale e nel mondo, in particolare nei settori automobilistico e dei metalli, che sono andati entrambi male nella pandemia.

Per quanto riguarda i macchinari industriali, una delle maggiori vittime a livello mondiale è stata il settore delle macchine utensili, che è stato duramente colpito dal forte rallentamento dell'industria dei trasporti. In Germania, le macchine utensili sono in calo del 30% e questo si riflette nella debole performance anche in altri paesi europei, come il Regno Unito, dove prevediamo anche che il mercato delle macchine utensili scenderà di oltre il 30%. E l'Europa non è sola: è probabile che poche delle principali regioni tornino ai livelli del 2019 nei prossimi 6 anni.

COVID-19 ha guidato e continuerà a guidare la domanda di forniture mediche in plastica e gomma e dispositivi di protezione individuale. Tuttavia, il settore delle macchine per gomma e plastica ha registrato un calo della domanda nel 2020 con Corea, India e Regno Unito che hanno registrato contrazioni rispettivamente dell'ordine del -15,8%, -13,9% e -13,4%. Tuttavia, tutte le prime 10 regioni dovrebbero tornare ai livelli del 2019 entro il 2023 al più tardi. La forte performance dell'APAC sosterrà una crescita che vedrà i valori della produzione salire da $ 49,6 miliardi nel 2020 a $ 53,4 miliardi nel 2021.

Adrian Lloyd, CEO di Interact Analysis, afferma: “Il settore dei macchinari per i semiconduttori e l'elettronica è uno dei pochi settori ad aver attraversato la pandemia senza essere toccato. Si prevede che la maggior parte delle principali regioni crescerà oltre i livelli del 2019 nel 2020, con previsioni di crescita globale al 9,9%. I pochi che non torneranno attivi e funzioneranno a un livello più forte del 2019 entro il 2021. La crescita sarà probabilmente leggermente più lenta nel 2022 e nel 2023, ma rimarrà positiva. APAC è il principale produttore di macchinari per semiconduttori ed elettronici. Prevediamo un CAGR a 5 anni per la Corea del 9,1%. È un buon settore in cui trovarsi. Ma alcune regioni hanno davvero bisogno di recuperare il ritardo ".

Altri articoli sull'argomento

Direttamente alla selezione dei prodotti nel

PumpSelector

ULTIME NOTIZIE

  • Eventi

    « Aprile 2021 » loading...
    LMMGVSD
    29
    30
    31
    1
    2
    3
    4
    5
    6
    7
    8
    9
    10
    11
    12
    13
    14
    15
    16
    17
    18
    19
    20
    21
    22
    23
    24
    25
    26
    27
    28
    29
    30
    1
    2
  • MERCATO DEL LAVORO