Strategia per la sostenibilità dei prodotti chimici: opportunità per proteggere le nostre risorse idriche

19.10.2020
Articolo tradotto a macchina
  Passa all'originale
EurEau accoglie con favore la strategia dell'UE per la sostenibilità in materia di sostanze chimiche, inclusa la sua gerarchia priva di sostanze tossiche, come pubblicata dalla Commissione europea.
Strategia per la sostenibilità dei prodotti chimici: opportunità per proteggere le nostre risorse idriche

Strategia per la sostenibilità dei prodotti chimici: opportunità per proteggere le nostre risorse idriche. (Fonte immagine: EurEau)

Se pienamente implementata, questa strategia sosterrà il nostro passaggio a zero inquinamento e società circolari.

Le misure di controllo alla fonte devono avere la priorità
In linea con l'articolo 191, paragrafo 2, del TFUE, qualsiasi strategia per le sostanze chimiche sostenibili deve partire da rigorose misure di controllo alla fonte e applicare pienamente il principio di precauzione.

Per questo motivo EurEau sostiene l'estensione della gestione del rischio generico (GRA) per tutte le sostanze chimiche in modo che siano regolamentate in base ai pericoli intrinseci che pongono.

Le sostanze chimiche pericolose arrivano nelle nostre risorse idriche superficiali e sotterranee attraverso molteplici percorsi. Alcuni composti possono ancora essere rilevati decenni dopo il loro ritiro dal mercato e richiedono un costoso trattamento aggiuntivo da parte dei fornitori di acqua potabile.

Inoltre, la rimozione di sostanze chimiche pericolose dopo la loro fase di utilizzo, ad esempio negli impianti di trattamento delle acque reflue, non è né efficace né sostenibile. In particolare, questo vale per i prodotti farmaceutici, gli interferenti endocrini e i PFAS.

È necessario determinare gli effetti di combinazione
EurEau sostiene gli sforzi per determinare e regolare gli effetti combinati delle sostanze chimiche prioritarie e per includerli nel processo di autorizzazione delle sostanze chimiche. È necessario uno stretto coordinamento tra la legislazione sulle sostanze chimiche e la direttiva quadro sulle acque affinché gli obiettivi di quest'ultima siano integrati in tutte le politiche settoriali che regolano le sostanze chimiche.

Le sostanze PMT / vPvM devono essere regolamentate
EurEau chiede la rapida definizione di sostanze persistenti, mobili e tossiche, molto persistenti e molto mobili come categorie di sostanze estremamente preoccupanti ai sensi del REACH. Le loro proprietà intrinseche pongono seri rischi a lungo termine per le risorse di acqua potabile, mentre gli impianti di trattamento delle acque reflue non possono rimuoverle completamente.

L'inquinamento da PFAS richiede restrizioni di gruppo
Il numero in rapida crescita di PFAS sul mercato richiede un approccio di gruppo per evitare l'inquinamento a lungo termine del nostro ambiente acquatico. I fornitori di acqua dovranno investire in metodi di trattamento molto costosi e ad alta intensità energetica per soddisfare i rigorosi valori parametrici PFAS stabiliti nella nuova direttiva sull'acqua potabile se si riscontrano livelli maggiori di PFAS nelle nostre fonti di acqua potabile. Con questo in mente, EurEau sostiene il piano d'azione PFAS che dovrebbe portare all'eliminazione graduale di tutti gli usi non essenziali una volta definiti, in linea con le richieste degli Stati membri e del Parlamento europeo.

Accolgono con favore l'iniziativa della Commissione e delle autorità competenti di sviluppare una definizione comune di usi non essenziali conformemente al protocollo di Montreal.

Fonte: EurEau

Altri articoli sull'argomento

Wilo: Insieme per una maggiore protezione del clima

13.08.2021 -

L’elettricità svolge un ruolo fondamentale nello sviluppo della regione dell’Africa sub-sahariana: trattamento dell’acqua, catene di raffreddamento, elettricità, internet – e tutto questo in modo trasparente e sicuro. L’impresa sociale Africa GreenTec sta ora facendo un grande passo in questa direzione introducendo i cosiddetti ImpactSites.

Leggi tutto

Investimenti nello sviluppo della tecnologia di lubrificazione dell’aria per la navigazione sostenibile

15.07.2021 -

La lubrificazione ad aria per le navi marine è una soluzione in via di sviluppo che ridurrà radicalmente il consumo di carburante e l’impatto ambientale. Avendo acquisito una partecipazione di minoranza in Marine Performance Systems B.V., una società di tecnologia marittima con sede a Rotterdam, Alfa Laval sarà determinante nel rendere questa tecnologia tanto ricercata una realtà commerciale.

Leggi tutto
Direttamente alla selezione dei prodotti nel

PumpSelector

ULTIME NOTIZIE

MERCATO DEL LAVORO