Il sistema di accesso alla pipeline causa un punto cieco finanziario?

06.10.2021
Articolo tradotto a macchina
  Passa all'originale
Secondo gli esperti di controllo del flusso di Celeros Flow Technology, le flange cieche sulle tubazioni di tutto il mondo potrebbero costare milioni in inutili tempi di fermo.
Il sistema di accesso alla pipeline causa un punto cieco finanziario?

Le chiusure flangiate GD Bandlock 2 possono essere aperte e chiuse in meno di un minuto, senza bisogno di strumenti speciali. (Fonte immagine: Celeros Flow Technology)

Carla Connolly, direttore delle vendite globali per i marchi di accesso alle condotte dell'azienda, afferma: "Le flange cieche sono spesso montate su recipienti a pressione e condutture perché forniscono un minor costo dell'investimento di capitale nella fase di costruzione iniziale. Può essere solo più tardi nella vita di un'installazione che si realizza la realtà del continuo sovraccarico associato all'apertura di una tale flangia. In alcuni casi, le aziende potrebbero non essere nemmeno consapevoli del fatto che il loro sistema di accesso alle condutture contribuisce a costi operativi più elevati”.

I tempi di fermo cumulativi causati dalle flange cieche potrebbero causare inefficienze e aumentare i costi in settori disparati come l'esplorazione di petrolio e gas, il trattamento chimico, il trattamento delle acque e la produzione di energia. Secondo Connolly, questa è un'area che le aziende farebbero bene ad affrontare se vogliono mantenere il proprio vantaggio competitivo.

Fortunatamente, il marchio Celeros Flow Technology GD Engineering ha escogitato una soluzione semplice: la chiusura flangiata GD Bandlock 2. Connolly spiega:

“Le nostre chiusure Bandlock 2 flangiate possono essere montate su installazioni nuove o esistenti in sostituzione semplice e diretta della flangia cieca. Ciò li rende ideali per le installazioni in cui il sovraccarico operativo per l'apertura di una flangia cieca esistente risulta essere antieconomico per tutta la vita dell'installazione”.

Le chiusure GD Bandlock 2 forniscono accesso orizzontale o verticale a qualsiasi recipiente a pressione in pochi secondi. Rispetto ad altre chiusure ad apertura rapida possono essere azionate in sicurezza a notevole velocità. Qualsiasi dimensione di unità può essere aperta o chiusa in meno di un minuto, senza bisogno di attrezzi speciali.

Il collaudato meccanismo della fascia di bloccaggio che dà il nome alla gamma è una fascia di bloccaggio a spinta conica duplex in acciaio inossidabile montata tra la porta di chiusura e il mozzo. È progettato per trasmettere il carico di pressione in modo uniforme lungo l'intera circonferenza di 360° del mozzo. Queste soluzioni di accesso innovative sono integrate da un supporto completo del ciclo di vita, compreso il rinnovo/sostituzione delle guarnizioni e la consulenza tecnica di esperti su come massimizzare le prestazioni.

Altri articoli sull'argomento

ANDRITZ fornirà apparecchiature elettromeccaniche per la centrale idroelettrica di Robert S. Kerr, USA

26.10.2021 -

Il gruppo tecnologico internazionale ANDRITZ ha ricevuto un contratto dall’US Army Corps of Engineers, nel distretto di Tulsa, per la riabilitazione e l’aggiornamento di tutte e quattro le turbine e i generatori della centrale idroelettrica di Robert S. Kerr, situata sul fiume Arkansas nell’Oklahoma orientale adiacente a la città di Cowlington.

Leggi tutto

AUMA si aggiudica contratto quinquennale per l’oleodotto transalpino

20.10.2021 -

Il Transalpine Pipeline (TAL) che collega Italia, Austria, Germania e Repubblica Ceca si affida agli attuatori AUMA per il trasporto sicuro e affidabile del greggio. AUMA ha ottenuto un accordo quadro per la sostituzione degli attuatori per valvole esistenti con i suoi comprovati attuatori SAEx 25.1. Nell’ambito dell’accordo quinquennale, gli attuatori AUMA saranno installati nelle stazioni di pompaggio lungo il tratto austriaco del gasdotto.

Leggi tutto

Le pompe Sulzer aiutano a rendere più verde il deserto

29.09.2021 -

Le pompe ad alta efficienza svolgono un ruolo centrale nell’impianto egiziano di trattamento, riciclaggio e riutilizzo del drenaggio agricolo di Al Mahsama. Costruito sulle rive del Nuovo Canale di Suez nella regione egiziana del Sinai, l’impianto di trattamento delle acque di Al Mahsama da 100 milioni di dollari è il più grande del suo genere al mondo.

Leggi tutto

Wilo: Insieme per una maggiore protezione del clima

13.08.2021 -

L’elettricità svolge un ruolo fondamentale nello sviluppo della regione dell’Africa sub-sahariana: trattamento dell’acqua, catene di raffreddamento, elettricità, internet – e tutto questo in modo trasparente e sicuro. L’impresa sociale Africa GreenTec sta ora facendo un grande passo in questa direzione introducendo i cosiddetti ImpactSites.

Leggi tutto