Baker Hughes e NOVATEK collaborano per sviluppare una soluzione pionieristica di idrogeno a basse emissioni di carbonio per i treni GNL

04.02.2021
Articolo tradotto a macchina
  Passa all'originale
Baker Hughes e PAO NOVATEK hanno firmato un accordo di cooperazione finalizzato alla riduzione delle emissioni di carbonio dalla produzione di gas naturale e gas naturale liquefatto (GNL).

Le due società collaboreranno allo sviluppo e all'implementazione di soluzioni tecnologiche innovative di compressione e generazione di energia di Baker Hughes per i progetti GNL di NOVATEK, supportando la riduzione delle emissioni di NOVATEK, aumentando l'efficienza e sostenendo la sostenibilità a lungo termine.

L'accordo inizierà con un programma pilota per introdurre miscele di idrogeno nel processo principale per la liquefazione del gas naturale per ridurre le emissioni di anidride carbonica dagli impianti GNL, compreso il complesso Yamal LNG di NOVATEK. Baker Hughes fornirà apparecchiature ingegneristiche e turbomacchine di livello mondiale per convertire i treni di liquefazione del gas naturale esistenti a Yamal LNG in modo che funzionino con miscele di idrogeno anziché esclusivamente con metano dal gas di alimentazione.

"Baker Hughes è uno dei principali fornitori di apparecchiature per i nostri progetti Yamal LNG e Arctic LNG 2", ha affermato Leonid Mikhelson, presidente del consiglio di amministrazione di NOVATEK. “Stiamo espandendo la nostra collaborazione con loro per sviluppare soluzioni efficienti ed economicamente sostenibili per mitigare l'impatto dei cambiamenti climatici sui nostri progetti - uno degli argomenti essenziali per NOVATEK e per l'intera industria petrolifera e del gas. Le tecnologie dell'idrogeno hanno grandi prospettive per ridurre il livello delle emissioni globali di gas serra e sono necessari ulteriori lavori per sviluppare e adattare queste tecnologie per le operazioni nelle condizioni climatiche dell'Artico ".

"Stiamo lavorando con NOVATEK per introdurre la prima soluzione per la decarbonizzazione del nucleo della produzione di GNL: le turbine che guidano il processo di liquefazione", ha affermato Lorenzo Simonelli, Presidente e CEO di Baker Hughes. "La combinazione della nostra esperienza di livello mondiale nell'ingegneria del GNL e della profonda esperienza con la tecnologia di compressione dell'idrogeno ci posiziona per guidare ulteriormente nella riduzione delle emissioni dalle operazioni di GNL e supportare ulteriormente la transizione energetica".

NOVATEK è il più grande produttore indipendente di gas naturale della Russia, producendo oltre 77 miliardi di metri cubi all'anno (miliardi di metri cubi / anno) con circa 9 miliardi di metri cubi / anno di GNL venduti sui mercati internazionali. Il progetto Yamal LNG a tre treni, situato sulla costa artica siberiana, ha spedito il suo primo carico di GNL nel 2017 e ha raggiunto la piena capacità con il suo progetto attuale nel 2018. I suoi treni di liquefazione utilizzano attualmente la turbina a gas monoalbero Frame 7 / 1EA prevista. questo progetto di Baker Hughes, che può essere adattato per funzionare con miscele di idrogeno ed è una turbina preferita per gli impianti GNL a livello globale. Le miscele di idrogeno rappresentano opportunità significative per il settore del gas naturale per ridurre le emissioni per le apparecchiature delle turbomacchine GNL, il principale motore meccanico del processo di liquefazione.

Baker Hughes ha una lunga storia di collaborazione con NOVATEK. Baker Hughes fornisce turbine a gas aeroderivate LM9000 per il progetto Arctic LNG 2 di NOVATEK e ha completato la pietra miliare First Engine to Test (FETT) a metà del 2020, seguita successivamente da tutti e tre i test di stringa per la generazione di energia e la trasmissione meccanica nel quarto trimestre del 2020. L'LM9000 è il La turbina a gas aeroderivata a ciclo semplice più efficiente al mondo con la migliore disponibilità, efficienza e emissioni di NOx più basse, che la rendono ideale per gli operatori di GNL per ridurre il costo totale di proprietà e l'impronta di carbonio complessiva.

Altri articoli sull'argomento

I leader dell’acqua lanciano un nuovo centro per accelerare l’azione sulle sfide globali dell’acqua e della sostenibilità

22.06.2022 -

I leader del settore idrico, tra cui il mondo accademico, i fornitori di tecnologia, le associazioni di categoria e le ONG, stanno collaborando in un nuovo consorzio per accelerare le soluzioni alle sfide critiche dell’acqua e della sostenibilità del mondo. Il Reservoir Center for Water Solutions, con sede a Washington, DC, fungerà da hub di collaborazione globale per promuovere soluzioni e innovazioni idriche rivoluzionarie.

Leggi tutto

Xylem vince per la leadership “Net Zero” ai Global Water Awards

25.05.2022 -

Il leader mondiale della tecnologia idrica Xylem è stato nominato “Net Zero Carbon Champion” ai Global Water Awards 2022, riconoscendo il lavoro dell’azienda per accelerare la decarbonizzazione del settore idrico. Oltre ai propri impegni per ottenere emissioni nette di carbonio pari a zero, Xylem collabora con utilities, aziende e gestori idrici di tutto il mondo per contribuire a ridurre la loro impronta di carbonio.

Leggi tutto